Home Blog-articoli Turchese

Turchese

da K.A.
Tempo di lettura: 3 minuti

Turchese – il nome

In base all’etimologia e a diverse fonti storiche il nome “Turchese”, dato a questa meravigliosa pietra,  deriva dal francese antico “pierre turquoise”, e fu usata da un commerciante, che indicò in questo modo la pietra turca, intesa appunto come pietra proveniente dalla Turchia. Ovviamente il commerciante probabilmente era all’oscuro del fatto che questo tipo di pietre provenivano dalla Persia, terra questa ricca di questo minerale. In realtà quindi la Turchia che figura nel nome c’entra soltanto perché che costituiva la porta che univa l’Oriente all’Occidente.

Nel linguaggio comune, molte persone indicano questa pietra al maschile come “Il Turchese”, ma l’esatta denominazione è al femminile e va chiamata “la Turchese”.

Turchese – la scoperta

Scoperta dai Persiani, amata poi da tutti i popoli europei, è stata sempre considerata una pietra particolare ricca di mistero e capace di catturare dentro di se il colore azzurro del cielo e del mare. Il colore della Turchese, deriva dal rame, presente nella sua struttura chimica. In natura si trova in giacimenti secondari del rame.

La sua prima apparizione si perde nella notte dei tempi, visto che il primo reperto, un monile Turchese per l’esattezza risale a ben 8000 anni fa in Egitto.

Turchese – produttori al mondo

La Turchese è presente in grandi quantità in Iran (Persia), ed in giacimenti situati in Siberia, Africa, Australia, Cina e Stati Uniti. In base alle provenienza e alle caratteristiche delle pietre queste si identificano anche come Turchese persiana, Turchese africana, etc. Particolarmente costose sono le pietre Turchese provenienti dall’Iran, Africa e Stati Uniti.

Pietre Dure Turchese Naturale

Turchese Naturale – Immagine tratta da pixabay.com – Libera per usi commerciali – Autore pasja1000

La qualità più pregiata della Turchese è quella caratterizzata da un colore azzurro, con leggere venature grigie e/o verdi. A differenza di quanto si possa pensare esistono diverse varietà di colore della Turchese: dal colore classico, al giallo, al verde, al marrone.

Turchese – nella storia

Alla Turchese sono stati sempre attribuiti dei poteri particolari, in grado anche di proteggere il suo proprietario nel momento del pericolo, infatti in Europa anticamente veniva considerata un “amuleto da avere” sia per viaggiatori che i cavalieri.

Di certo è che la Turchese ha attratto nei secoli l’interesse di tutte le popolazioni entrate in contatto con questo stupendo minerale. Dai Persiani, agli Egizi, ai Romani, ma anche oltre Oceano era considerata comunque una pietra magica e usata da Maya, Incas e nativi americani Navajo. Per gli Egizi in particolare, la Turchese oltre ad assicurare la protezione in vita, era indispensabile anche nella morte perché’ doveva vegliare i defunto e proteggerlo nl mono delle ombre.

Proprio ai Navajo si devono, le lavorazioni più particolari della Turchese per la realizzazione di collane, bracciali ed anelli. Gli stessi nativi americani la usarono anche come moneta, e come pietra ornamentale per le loro abitazioni.

La Turchese è stata anche la pietra sacra per delle popolazioni del Tibet, del Messico e de Perù.

Turchese e bijoux

La Turchese, è una delle pietre dure più utilizzate per i bijoux di un certo livello. Sebbene non sia una pietra rara, è comunque una pietra semipreziosa, molto difficile trovarne di ottima qualità, da cui il prezzo abbastanza elevato rispetto ad altre pietre dure utilizzate per collane, bracciali e altri bijoux.

La pietra naturale della Turchese, subisce delle lavorazioni con lo scopo di migliorarne le caratteristiche, come ad esempio la lucentezza e la resistenza a sostanze come acqua, alcol, etc.

La Turchese è la pietra regina per i bijoux, infatti, grazie al suo unico colore, alle sue venature, alla possibilità di unirla all’argento per farne risaltare il colore, la Turchese, consente ad ogni artista di creare combinazioni ed effetti unici per caratterizzare bijoux da sogno.

L’unione poi della Turchese con altre pietre dure come l’Ametista, o i Lapislazzuli, permette di realizzare bijoux non solo belli ma anche di valore.

Una particolare menzione va fatta per i bijoux realizzati dalla combinazione di perle Turchese con perle o pietre di Corallo rosso, capaci di materializzare in bracciali o collane, effetti cromatici unici che richiamano il mare ed i suoi abitanti.

Bijoux Turchese

E per finire quale migliore evidenza della bellezza dei bijoux in Turchese che una selzione di bracciali “La Turchese”, classici, di tendenza e delle collezioni relative alle stagioni?

Di seguito un piccolo assaggio … a Voi la scoperta dei rimanenti bijoux “La Turchese”.

 


Nota relative alle immagini: Le immagini utilizzate nel post sono tratte da pixabay.com, libere per usi commerciali e senza richiesta di attribuzione; tuttavia ne viene citato l’autore. Le immagini relative alle collezioni presentate nel post sono di proprietà de “La Turchese”. L’immagine in evidenza è realizzata da La Turchese.

Torna su

0 commento
0

Altri Posts

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.